Chiariamo subito una cosa: il traffico non è l’obiettivo ultimo. Il successo di un sito web non dipende dalla curva di Google Analytics, ma dal fatturato che riesce a generare. Quindi dal numero di utenti che utilizzano le sue pagine per diventare lead e/o clienti. E’ chiaro però che per ottenere questo risultato, ce le devi portare le persone sulle pagine. Allora, come fare per aumentare le visite di un sito web ? Vediamo 5 semplici accortezze che possono fare la differenza.

Aumenta la visibilità su Google con la SEO

aumentare le visite di un sito webIl primo passo da affrontare se vuoi aumentare le visite di un sito web: investire sulla SEO. Ovvero sull’ottimizzazione per i motori di ricerca. Questo ti permetterà di comparire tra i primi risultati di Google Search, aumentando le visite, ma non è semplice. Soprattutto nei settori molto competitivi, dove ci sono margini di guadagno alti e molte aziende che puntano verso lo stesso obiettivo.

Google ci mette a disposizione importanti strumenti. Il primo da utilizzare è sicuramente keyword planner, un tool che ti permette di verificare quali sono le query di ricerca più utilizzate. WordPress ci permette di installare innumerevoli plugin per l’ottimizzazione delle pagine. Yoast SEO è un valido supporto per creare pagine appetibili per lo spider di Google, ma anche per monitorarne l’usabilità.

E’ inutile creare pagine perfette sotto il profilo SEO, se poi queste sono user friendly tanto quanto lo schema elettrico della stazione spaziale internazionale.

Un giusto mix tra i due aspetti è la chiave per creare un sito che si posizioni ai primi posti delle serp e che invogli gli utenti a navigarci.

Progetta una campagna di email marketing

Abbiamo già parlato di come creare una campagna di email marketing efficacie in questo articolo. Le persone che lasciano l’indirizzo di posta elettronica, con un consenso adeguato, diventano una risorsa importante per portare traffico sul sito web.

Ricordati però che aumentare le visite di un sito web non è il fine ultimo. E’ il mezzo per aumentare le conversioni e quindi, i profitti. Le tue campagne email devono essere parte di un funnel di vendita studiato ad hoc. La mail deve condurre ad una landing page, a cui devi far seguire una call to action.

Sfrutta al meglio Google AdWords 

Le inserzioni sponsorizzate di Google Adwords sono un ottimo strumento per migliorare la visibilità di un sito web. Quelle che vedi nella parte superiore (o a lato) della serp. Perché è così importante sponsorizzare un sito web con questo programma? Innanzi tutto, puoi aumentare le visite di un sito appena nato e che non può contare sui benefici di altri canali. aumentare le visite di un sito webLa SEO è importante, questo è chiaro. Ma un buon piano web deve prendere in considerazione tutti gli strumenti offerti da Google. In secondo luogo, è relativamente economico. Certo, non puoi pensare di avere chissà quali risultati inserendo un budget di 1€ al giorno. Un minimo di investimento sensato bisogna farlo. Quello che conta, è che Adwords addebita la spesa solo nel momento in cui un individuo clicca sul tuo annuncio sponsorizzato. Se clicca, significa che è interessato all’argomento del tuo sito e quindi, è un potenziale cliente reale. Avrai inoltre a disposizione tutti i dati per valutare l’efficacia delle tue campagne e quindi potrai ottimizzarle in qualsiasi momento. Ultimo, ma non per importanza, avrai un quadro preciso del ROI, fondamentale per valutare la qualità di una spesa pubblicitaria.

Sponsorizza le pagine del sito su Facebook

Prima di parlare degli strumenti che mette a disposizione Facebook per l’advertising, occorre fare una premessa. Perchè investire su Facebook se stai già facendo inserzioni a pagamento su Google? Paghi due volte per la stessa cosa? Semplicemente, no. E ti spiego il perchè:

Google gestisce quella che in gergo si definisce “”domanda consapevole“. La domanda consapevole è posta da tutti gli utenti che sanno esattamente ciò di cui hanno bisogno per soddisfare le proprie necessità. Non è detto che siano già entrati in contatto con il tuo brand e che già lo conoscano, ma sono alla ricerca di qualcosa o qualcuno che possa aiutarli. E potresti essere tu.

Facebook (e altri social network) al contrario, intercetta la “domanda latente“. La domanda latente è posta da tutti gli utenti che, interessati a una specifica nicchia di mercato, restano informati sull’argomento. Non sono (ancora) alla ricerca dei tuoi prodotti, ma probabilmente potrebbero essere un ottimo pubblico target per creare nuovi lead.

Facebook mette a disposizione un Power Editor avanzato dove puoi creare tutte le campagne che preferisci, dividendole per obiettivi. Quindi non si tratta solo di migliorare la visibilità di un sito internet, ma di farlo con uno scopo. Con un intento preciso: acquisire lead, portare visite profilate sul sito. Questo è il vero web marketing, secondo me. Se vuoi approfondire, qui ti spiego come gestire al meglio i social network aziendali.

Apri un blog per aumentare le visite di un sito web

Bene, prima o poi dovevo arrivare a questo punto. Inutile girarci intorno: la presenza di un blog all’interno del sito è una delle soluzioni migliori per migliorare le visite. La produzione di articoli, basati su un piano editoriale che tenga presente le query di ricerca dei potenziali clienti, innesca un processo di content marketing capace di moltiplicare le visite e ottenere posizionamenti interessanti.